Le tante Jerusalem dello storico Cardini

 

La Jerusalem translata e il senso del viaggio”, è il titolo del contributo con cui lo storico Franco Cardini, docente all’Università di Firenze, sarà giovedì 9 marzo a Verona quale relatore al convegno “Conoscere, conservare, valorizzare il patrimonio religioso culturale” (ore 8.00-13.00 Salone dei Vescovi, piazza Vescovado; 14.00-18.00 sala Vescovi e Sala Colonna), organizzato dall’Istituto Superiore Scienze Religiose “S. Maria di Monte Berico” in collaborazione con più enti religiosi e professionali ma anche con il progetto Verona Minor Hierusalem.

A conferma dell’interesse per la Piccola Gerusalemme veronese, e anticipando un po’ il senso del suo intervento, Cardini ha dichiarato: “Quello di Verona è uno degli esempi più impressionanti e, al tempo stesso meno conosciuti, almeno fuori dai confini cittadini, di Jerusalem translata”. Tanto che il caso veronese sarà per Cardini, autore del libro “Andare per Gerusalemme d’Italia” (editore Il Mulino), proprio lo spunto per trattare “il grande tema del pellegrinaggio a Gerusalemme, e come questo incontri la penisola italica e quali forme vi assuma, quali memorie vi lasci”. “Vedremo poi –promette lo storico- come si sia manifestata in età rinascimentale una nuova devozione tesa addirittura a riprodurre i santuari di Gerusalemme in uno scenario topograficamente ispirato alla forma urbis della Città Santa. E Concluderemo il nostro itinerario visitando alcune celebri reliquie nonché ricordando qualcuna delle molte celebrazioni spettacolari della Settimana Santa che ancora hanno luogo”.

Il Convegno sarà articolato in due parti ricche di interventi: sono infatti previsti, nell’arco dell’intera giornata e in 3 sedi diverse, 121 Relatori, 13 Lectio Magistralis in rappresentanza di 3 Continenti (Europa, America, Asia) e 9 Nazioni (Colombia, Francia, Israele, Italia, Messico, Romania, Stati Uniti, Turchia).

Per informazioni:
Istituto Superiore Scienze Religiose “S. Maria di Monte Berico”
Programma convegno

Condividi con i tuoi amici